Un po’ di GoldenWeek

Come state?

4DC535EA-F0BF-4AB6-A560-D248B3141C3C

Non ci sentiamo da molto tempo: purtroppo la vita quotidiana in Giappone nel concederti molte opportunità ti toglie parecchio tempo libero. Mi sono fermata, ma spero di ricominciare a scrivere molto presto. Continua a leggere

Il primo bianco

(ventottesima puntata) di Michele Pinin
                                                                                  Mi perdoni, signora, ma quando uno
                                                                                è colpito da una pistolettata, sanguina

Lei non lo sa, quando decide di aprire il diario di Franco e non lo fa in quel momento, perché vuole come testimone un giornalista, quindi Okada visto che Hirose si trova fuori città, è la domenica di Pasqua. Mentre il Natale anche in estremo oriente si festeggia perché a tutti piace ricevere e fare un regalo, Pasqua è una ricorrenza cristiana che lascia il tempo che trova. Mancano tre settimane al primo anniversario della morte di Franco e Sae non può evitare le emozioni e i ricordi che affiorano nel sonno sotto forma di sogni e incubi. Accucciato vicino a lei, Mirko si è addormentato e ora russa. Mai avrebbe pensato che il cane sarebbe sopravvissuto a loro due. Anzi, la morte del cane, avevano sempre detto, sarebbe dovuta essere lo squillo di tromba per riprendere a viaggiare. Come aveva spiegato a Hirose la prima volta che era venuto a casa (puntata 4) loro formavano una coppia perfetta quando viaggiavano. Sia nella buona che nella cattiva sorte. Erano riusciti a scampare alla burocrazia cubana e alle tempeste di sabbia del deserto della Namibia, due estremi in fatto di viaggi che la raccontano lunga. Continua a leggere