Congratulazioni ai laureati

Nel giorno dell’equinozio di primavera sono andata a lavorare. O quasi.
Ho deciso di partecipare a un evento organizzato dall’università per cui lavoro, la cerimonia di chiusura dell’anno accademico, e la consegna dei “diplomi” agli studenti che hanno concluso gli studi.

Potevo evitare, già partecipare alla cerimonia di apertura è decisamente noioso, quindi ci ho riflettuto fino all’ultimo momento. Ma alla fine sono andata!

laurea
Continua a leggere

La velocità della vita in Giappone

In questo paese la gente ha un rapporto particolare con gli orologi: lo scorrere del tempo diventa essenziale in una giornata carica di impegni, e mi è capitato spesso di constatare che un giapponese medio ne possiede parecchi e li usa tutti i giorni, e nei vari momenti della giornata. Questo vale per le persone di ogni età, e tende a diminuire solo quando si raggiunge un punto della vita in cui lo scorrere del tempo diventa una questione secondaria (al momento della pensione? Non saprei dire, per il momento la mia esperienza è decisamente limitata).

Vi siete mai chiesti come mai i giapponesi siano così coinvolti dalla vita quotidiana? Continua a leggere

Una storia di Natale

di Daniela Matta

Qualche volta succede di trovarsi coinvolti in qualcosa di inaspettato, e magari non si riesce a trovare una definizione appropriata. A me e a mio figlio è successa una piccola avventura, alla fine di novembre, e ancora mi sembra incredibile. Intendiamoci, non ci è successo niente di male, si è trattato semplicemente di qualcosa di veramente inaspettato
Quest’anno siamo venuti in Sardegna per le vacanze di Natale. Anzi, siamo partiti a fine novembre, per conciliare il viaggio con alcuni impegni che avevo preso da tempo.
Come spesso accade, la ricerca della migliore combinazione prezzo/servizi, ci ha indirizzati verso una compagnia aerea araba, e per la precisione verso Emirates.
Un volo piuttosto lungo, con tre cambi di aereo per arrivare fino a Cagliari, che ho cercato di velocizzare al massimo nel viaggio di andata. Quindi, partenza notturna da Osaka, arrivo a Dubai all’alba del giorno successivo, circa quattro ore di sosta (la soluzione più breve disponibile), e nuovo imbarco per Roma.
Il primo volo è stato vergognosamente perfetto, abbiamo addirittura avuto la fortuna di disporre di ben tre sedili, visto che quello vicino ai nostri non era stato occupato da nessuno.
Avendo già viaggiato con la stessa compagnia in precedenza, i miei ricordi del transito a Dubai prevedevano un lungo percorso da compiere all’interno dell’aeroporto, con una serie di ascensori, scale mobili e controlli vari, quindi contavo di impiegare parte del nostro tempo in questo modo. Continua a leggere