Manga e discriminazione nella scienza giapponese

La copertina incriminata della rivista della Società dell’intelligenza artificiale giapponese

La copertina incriminata della rivista della Società dell’intelligenza artificiale giapponese

In questi giorni il Japan times ha riportato le scuse della Società giapponese per l’intelligenza artificiale. Le loro colpe? Aver utilizzato l’immagine accanto per la copertina della loro rivista scientifica. La copertina – scelta in base ad una competizione pubblica – è stata (ma non è riportato da chi) ritenuta discriminatoria e sessista.

L’immagine ha molti errori concettuali e tecnici (vedi dopo  per un’analisi semiseria) ed è forse più adatta ad un manga che ad una rivista scientifica, ma è comunque rappresentativa del diffuso uso che la società giapponese pubblica e privata fa di figure disegnate – in prevalenza  femminili – per trasmettere un messaggio. Metropolitana, polizia, pompieri hanno tutti varie mascotte e character che utilizzano in poster e pubblicità.


 
 
2-l_wk_110411jieitai01
Ad esempio questo qui accanto è un poster che invita ad arruolarsi nelle forze di autodifesa giapponese.
 
(continua a leggere su scientificast)